Hacker sulla bacheca di ‎Zuckerberg‬:”c’è un bug, ora lo vedi?”

Tre sono i protagonisti di questa storia: ‪#‎Khalil‬, hacker palestinese, un bug di facebook, un post sulla bacheca di Mark Zuckerberg per obbligare il team di Palo Alto ad ammetterlo. IL […]

Tre sono i protagonisti di questa storia: ‪#‎Khalil‬, hacker palestinese, un bug di facebook, un post sulla bacheca di Mark Zuckerberg per obbligare il team di Palo Alto ad ammetterlo.

IL BUG- Non avendolo sperimentato non possiamo affermare fosse così anche per noi, ma pare che nei giorni scorsi fosse possibile per chiunque scrivere sul wall facebook altrui. Quello di tutti, però, anche di quanti non sono nella propria lista di amici, a dispetto delle impostazioni della privacy scelte dagli utenti. Se n’è accorto un informatico palestinese freelance in cerca di occupazione. Accertato il bug, armato di buona fede, si è preoccupato di avvisare il team di facebook secondo procedura, compilando l’apposito form feedback.

Khalil-questo il nome dell’hacker-dopo aver avvisato inutilmente il team di Palo Alto, ricevendo come risposta un: “noqui è tutto OK, arrivederci e grazie”, due giorni fa ha scritto su una bacheca speciale, quella del profilo personale di Mark Zuckerberg, dimostrando che aveva ragione, postando inoltre un report di quanto aveva già  fatto per segnalare il problema, invano.

CONCLUSIONE- Superate le perplessità e i tentennamenti, davanti all’evidenza FB ha dovuto ammettere l’errore precedentemente negato e ringraziare Khalil. Chissà che al giovane ora non spettino anche i 500 dollari che pare Palo Alto metta a disposizione di chi segnala dei problemi alla piattaforma…

Potete leggere nel dettaglio dell’accaduto quioppure sul blog dellhacker.

La lettera postata dall'hacker sulla bacheca di Zuckerberg per dimostrare il bug di facebook

La lettera postata dall’hacker sulla bacheca di Zuckerberg per dimostrare il bug di facebook

Ne abbiamo parlato anche in fanpage del Master in Web Communication e Social Media 

la fanpage di Khalii, l'hacker che ha violato facebook

About veravox